Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Home / cultura/turismo  / Carnevale d’autunno

Carnevale d’autunno

Cinque carri allegorici si sfideranno per conquistare il 61° trofeo della Festa dell’Uva di Verla di Giovo

La Festa dell’Uva di Verla di Giovo è una storica manifestazione nata al termine degli anni Cinquanta per celebrare la fine del lavoro nei campi e della vendemmia.

Da 61 anni questo Carnevale d’autunno, che celebra la cultura dell’uva, anima alla fine di settembre il paese della Valle di Cembra (Trentino) con i suoi vivaci colori, l’allegria e l’originale fantasia, che trova il suo apice nella sfilata che rende omaggio alla vendemmia in maniera unica e originale. Quest’anno l’evento andrà in scena da venerdì a domenica.

 

Festa dell’Uva, foto via Facebook

La sfilata

Ogni anno – da oltre mezzo secolo – in occasione della Festa dell’Uva uno sgargiante corteo composto da numerosi carri allegorici invade le vie del paese di Giovo: la protagonista della goliardica sfilata è l’uva, declinata in una miriade di forme, dimensioni e ispirazioni fantasiose. I gruppi di allestitori reinterpretano la vendemmia in ogni sua sfaccettatura, attenendosi al tema che viene di anno in anno lanciato. Ecco che allora, circondati da maschere, carri, musiche, balli e trascinati da un turbinio di entusiasmo coinvolgente, si vedranno sfilare temi legati alla coltivazione, al raccolto, alla tradizionale pigiatura, sino alla lavorazione del frutto, per non dimenticare la storia, i miti e le leggende legate al vino e al culto del dio Bacco. Ma non si tratta solo di un gioco: i carri vengono infatti valutati da una giuria, che ha l’arduo compito di votare il migliore.

 

La sfilata

Il palio dei Congiai

Il protagonista di questa gara è il congial, il tipico supporto impiegato nei campi durante la vendemmia per trasportare l’uva, molto utile per gli agricoltori soprattutto sui ripidi pendii della Valle di Cembra, ancora oggi difficili da raggiungere con mezzi meccanici.
Alla Festa dell’uva il congial diventa invece strumento indispensabile per il trasporto dell’acqua raccolta alla fontana di piazza Molinari, dove i gruppi allestitori dei carri allegorici si sfideranno in una competizione, allo scopo di riempire delle botti nel minor tempo possibile. Chi si aggiudicherà quest’anno l’ambito premio finale?

…e molto altro

Non solo carri allegorici. L’evento – organizzato dalla pro loco di Giovo con il supporto della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino –  amplia e rinnova il proprio programma di iniziative con l’obiettivo di fare cultura sul territorio e le sue eccellenze attraverso una proposta di appuntamenti sempre più di qualità. Nascono così lo spettacolo Divenir: percezioni itineranti e il trekking lungo la Via dell’Uva; le esposizioni d’arte e la possibilità di assaporate la cucina tradizionale e i vini locali per le vie del borgo. Insomma, un appuntamento dove divertirsi è la parola d’ordine, gustandosi un’aria carnevalesca anticipata!  

 


Il programma completo