Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Home / enogastronomia  / Il Pangiallo del solstizio d’inverno

Il Pangiallo del solstizio d’inverno

Piatto tipico della zona dei Castelli Romani

Tipico della zona dei Castelli Romani (lago Albano, lago di Nemi), il pangiallo era usato per festeggiare il solstizio d’inverno. Il suo colore, infatti, richiama quello del sole, che si auspicava tornasse a splendere sulle terre indurite dal freddo invernale.

Ne parla persino Apicio, nel suo noto De Re Coquinaria: «Mescola nel miele pepato del vino puro, uva passita e della ruta. Unisci a questi ingredienti pinoli, noci e farina d’orzo. Aggiungi le noci raccolte nella città di Avella, tostate e sminuzzate, poi servi in tavola».

Ingredienti

  • miele
  • 200 g di farina
  • 200 g di mandorle
  • 200 g di noci
  • 200 g di pinoli
  • 300 g di uva passa
  • 100 g di cedro candito
  • 200 g di fichi
  • 200 g di nocciole
  • 100 g di cioccolato fondente (a pezzetti)

 

Procedimento

Amalgamare il tutto con farina e spennellare con la parte rossa dell’uovo, dopodiché mettere 30  minuti in forno. Secondo alcuni, sarebbe opportuno ricoprire l’impasto di pastella all’uovo o aggiungervi anche lo zafferano, per ottenere un colore ancora più ambrato.