Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Home / ambiente/territorio  / Un’estate al lago

Un’estate al lago

Il lago di Santa Croce offre un'alternativa alle vacanze marine

L’estate è sinonimo di mare, ma non per tutti. Per molti il lago è una valida alternativa per passare dei giorni di riposo a contatto con la natura, facendo sport e diverse attività.

Belluno (veneto)

Lago Santa Croce

 

Proprio per questo, scattiamo una foto al lago di Santa Croce, il più grande della provincia di Belluno e il secondo del Veneto. Questo bacino regala momenti di svago e relax, e offre una vacanza alternativa al mare. Situato nella zona dell’Alpago, nelle sue acque cristalline si specchiano i monti dell’Alpago e il Nevegal. I paesi che circondano le sue rive conservano ancora le tipiche architetture di case a gradoni con coperture in lastre di pietra, paglia e cannette palustri. Una visita è d’obbligo! Ma non solo: l’intera zona circostante offre ai visitatori tante varietà di svago.

Birdwatching all’Oasi di Sbarai

Un importante sito naturalistico, l’Oasi di Sbarai si trova proprio tra le sue sponde. Si tratta di una zona umida che presenta ambienti diversi, legati alle variazioni di livello delle acque del lago. L’oasi – habitat naturale di molte specie di uccelli come il tuffetto, la pavoncella, la cannaiola, il forapaglie, il pendolino e ancora l’airone cenerino, la cicogna bianca e il labbo Codalunga – è il luogo perfetto per gli amanti del birdwatching ed è raggiungibile attraverso un sentiero pianeggiante, dove si possono ammirare salici bianchi e il famoso albero della bicicletta, un castagno vecchio quasi un secolo che, secondo una leggenda, ha inglobato all’interno del tronco una vecchia due ruote, tanto che si confonde con i suoi rami.

Il centro ittiogenico

Nella Baia delle Sirene, lungo il lato meridionale del lago, si trova invece, il Centro sperimentale ittiogenico di Farra d’Alpago realizzato con l’intento di riqualificare l’area e di incentivare la produzione ittica del bacino – soprattutto di quelle specie più caratteristiche e pregiate – come il coregone, il luccio e la trota, che sono a rischio di estinzione. Il Centro ha anche finalità didattiche ed educative rivolte alle scuole al fine di sensibilizzare i ragazzi sulle attività legate al lago e al suo habitat naturale. La struttura, che è inserita perfettamente nel contesto naturalistico, si sviluppa su due piani ed è stata costruita in legno e cemento con l’inserimento di grandi vetrate che si affacciano direttamente sullo specchio d’acqua.

 

Veneto

Lago di Santa Croce

Sport e relax al lago

Il lago, grazie al clima particolarmente ventoso, è una meta molto ambita degli appassionati di windsurf, kitesurf e vela. Durante l’anno, ma soprattutto in estate, si possono ammirare dalla spiaggia grandi e colorate vele solcare le acque di questo specchio d’acqua che richiama – da tutta Europa – gli amanti di questi sport acquatici.
Imperdibile una visita anche per gli appassionati delle camminate e della mountain bike: vi sono, infatti, diversi itinerari come quello che sulla sponda settentrionale porta direttamente all’oasi naturalistica del lago con punti di osservazione per il birdwatching, o l’anello di 8 chilometri sulla sponda orientale, sempre da percorrere in bici.
In estate, le spiagge – ben attrezzate – sono meta di chi vuole rinfrescarsi e immergersi nelle acque cristalline: è consentita infatti la balneazione.


Laureata in Scienze della Comunicazione e giornalista pubblicista dal 2008. Ha lavorato come collaboratrice e redattrice in quotidiani e settimanali. Ora collabora con un giornale online e con un free press. È appassionata di cinema e sport.